Didattica dell'Istituto

Administrator October 21, 2017 didattica, istituto
youmecode

L'ATTIVITA' DIDATTICA

È compito della scuola consolidare e sviluppare comp eterue di base nell'area logico-linguistica, operativa e motoria attraverso I'acquisizione delle varie abilità. Inoltre cura e vuole sviluppare abilità trasversali nei lavori interdisciplinari per arricchire l'offerta formativa All'inizio dell'anno scolastico i Consigli di Classe - attraverso schede strutturate e prove di ingresso di vario genere - individuano la situazione di partenza di ciascun alunno e strutturano i piani didattici della classe e, all'occorrenza, quelli personalizzati (PDP). I docenti, sulla base delle verifiche effettuate, procedono alle valutazioni (almeno due obbligatorie a quadrimestre). Il Consiglio valuta lapartecipazione, il comportamento, il metodo di lavoro, I'autonomia, il senso di responsabilità e la capacità critica. Analizza il lavoro svolto dai singoli alunni e verifica le competenze acquisite e gli apprendimenti. Lavahttazione si awale di verifiche scritte e orali svolte in itinere e tiene conto delle problematiche che possono aver influeruato il percorso didattico e formativo dell'alunno. Dai risultati della valutazione periodica i docenti predispongono interventi di recupero e/o sviluppo e approfondimento degli apprendimenti, secondo le modalità ritenute più opportune.

L'ATTIVITA' EDUCATIVA

La scuola fa propria l'esigenza di individuare e proporre tematiche e obiettivi educativi che emergono dalla realtà locale e da tutta la società per dare al giovane una formazione civica, umana e spirituale equilibrata e soprattutto consapevole. Vuole far acquisire in modo graduale e dimostrare in maniera costante capacità di comportamento corretto ed educato; rispetto delle cose e delle persone; collaborazione e socializzazione; diligenza e puntualita nell'esecuzione dei compiti; impegno, atterzione, concentrazione e autocontrollo; senso di responsabilita e affidabilità. -La scuola sollecita, inoltre, la collaborazione delle scuole di provenienza degli alunni con la richiesta di informazioni e, all'occorrenza, di incontri con i maestri per garantire la continuità educativa. Allo stesso scopo cura i rapporti con la scuola superiore attraverso le attivita d'orientamento per le classi tetze. -La scuola adotta libri di testo rispondenti agli obiettivi educativi e didattici della programmazione. Nella scelta i vari docenti cercano di scegliere i libri chiarii^ esaurienti e nello stesso tempo più economici e leggeri. Gli insegnanti si adoperano a che gli alunni non abbiano un eccessivo carico di materiali scolastici e a questo scopo vi è anche la possibilità per ciascun studente di usufruire di un proprio ripiano nei vari armadietti di classe dove possono lasciare il materiale e prenderlo solo all'occorrenza. -Il rapporto tra insegnanti e alunni è improntato sulla massima serenità per mettere a proprio agio tutti i ragazzi, anche i piu timidi. Il linguaggio usato è sempre pacato e, per quanto possibile, si fa uso della persuasione o del lavoro utile alla comunità scolastica, piuttosto che dei prowedimenti disciplinari, a cui si ricorrerà quando tutti gli altri interventi si siano rivelati inutili.

Competenze e abilità trasversali

Si individuano alcune competenze trasversali, definite anche attraverso standard di valutazione,

ritenute particolarmente importanti e che possono servire come punto di riferimento ai team di

insegnanti nella programmazione di unità di lavoro interdisciplinari, nella progettazione di

laboratori e nelle sperimentazioni multidisciplinari di arricchimento dell'offerta formativa:

  • capacità di ascoltare, di comunicare oralmente, di dialogare
  • capacità di leggere e di comprendere varie tipologie di testi
  • capacita di scrivere varie tipologie di testi
  • capacità di organizzare le conoscenze in concetti
  • Sapacità di mettere in relazione i concetti
  • capacità di conoscere edutilizzare procedure e strumenti specifici
  • capacità di comprendere ed :utilizzare linguaggi specifici
  • capacita di selezionare, analizzare, collegare, sintetizzarc, organizzare dati, informazioni,
  • esperienze, concetti, procedure
  • capacità di rielaborare criticamente le conoscenze

Metodologie e mezzi

Uso delle tre diverse metodologie fondamentali:

  • l'esperienza, quale punto di parterua per una conoscenza ipotetica-deduttiva, che privilegi il

racconto del vissuto degli allievi, il loro personale coinvolgimento, la loro partecipazione alle

esperienze degli altri.

  • ffi la comunicazione, nella molteplicità delle sue forme (verbale e non verbale):

forma iconica (disegno, pittura, immagini, audiovisivi, film)

forma verbale (conversazioni, relazioni, lezioni, discussioni, dialoghi, esposizioni, letture,

audizioni)

forma grafica (relazioni scritte, cronache, testi liberi, composizioni, rielaborazioni, interpretazioni)

forma laboratoriale basata sulla manualità: lavori con l'utilizzo di vari materiali, giardinaggio e orto

  • ffil la ricerca e la sperimentazione, in relazione alle reali situazioni delle singole classi, al livello

culturale deiragazzi, alla effettiva disponibilità dei mezzi necessari e ai programmi da svolgere.

Nell'ambito di tali metodologie, si prevede:

  • @ piena utilizzazione delle strutture, dei sussidi e del patriuonio scolastico
  • contatti con la realtà esterna attraverso visite a stabilimenti industriali, a musei, a monumenti, a

botteghe artigiane, parchi nazionali......

  • incontri con le diverse articolazioni della realtà sociale
  • utilizzazione dei mezzidi comunicazione di massa

 VALUTAZIONE degli ALUNNI

Per gli alunni è prevista una valutazione periodica quadrimestrale e una valutazione finale, riferite sia ai livelli di apprendimento acquisiti sia al comportiamento. Per monitorare meglio il lavoro e il rendimento dei nostri allievi la nostra scuola stende anche due pagellini interperiodali, il primo nel mese di novembre e il secondo ad aprile. Per quanto riguarda gli apprendimenti nelle varie discipline di studio e del comportamento, la valutazione, in base alle disposizioni apportate dalla legge 169/2008, viene espressa con voto in decimi aruiché con giudizio sintetico . La valutazione nelle classi intermedie awiene per scrutinio, mentre per le classi terminali (terzo anno di scuola secondaria di I grado) awiene per esame di Stato.

Una disposizione che, per il momento, si applica solamente agli alunni della scuola secondaria di I grado (ex-scuola media), prevede che I'anno scolastico non sia considerato valido, indipendentemente dalla valutazione degli apprendimenti, se l'alunno ha frequentato meno di tre quarti delle ore di lezione previste.

Dettagli

Similiar Posts